Come sapete, lo scorso 15 settembre nell’ambito della rassegna Femminologica abbiamo presentato il libro “Fuori dall’Ombra” nella splendida cornice di Villa Spada. Edito dalla casa editrice Enciclopedia delle donne, il libro racconta l’esperienza dei laboratori realizzati dalle volontarie UDI all’interno della sezione femminile del carcere Dozza di Bologna. A breve maggiori informazioni su come acquistare o visionare il libro presso la nostra sede.

Noi donne dell’UDI siamo state molto onorate e felici dell’invito alla Rassegna Feminologica3, oltre che della grande partecipazione riscontrata, tanto che tutti i posti disponibili sono stati occupati.

Di seguito potete vedere alcuni scatti che della presentazione:

1 - La presentazione: Alba Piolanti al centro, a dx Donatella Allegro, a sx Katia Graziosi

Immagine 1 di 6

1 - La presentazione: Alba Piolanti al centro, a dx Donatella Allegro, a sx Katia Graziosi

Ancora una volta, il nostro obiettivo è quello di parlare della situazione delle detenute della Casa circondariale Dozza con la popolazione bolognese e, con questo primo incontro, possiamo dire che un primo passo verso questo traguardo è stato raggiunto.

Tutte noi vogliamo rivolgere un caloroso ringraziamento all’attrice Donatella Allegro che ha letto alcuni brani del libro presentato e che, con la sua recitazione, ha coinvolto il pubblico rendendolo partecipe delle poesie e delle storie scritte dalle detenute.

Gli interventi di Katia Graziosi, Alba Piolanti, Giuseppina Martelli e Barbara Lodi sono stati partecipati e anche il libro è stato molto apprezzato.

Notevole interesse hanno inoltre riscosso il nostro volume “Le parole per dirlo” (2019), che riporta le esperienze dei laboratori svoltisi gli anni precedenti presso la Dozza; nonché il Diario di Bordo 2019 nel quale sono state raccolte le iniziative e gli eventi principali organizzati da UDI Bologna.

Tutto il materiale è andato esaurito e questo ci ha fatto piacere, a dimostrazione che l’argomento interessa alla città.

Assieme all’associazione Youkali che ci ha ospitato, vogliamo ringraziare tutte le donne e gli uomini che hanno partecipato: il vostro contributo è importante per valorizzare il nostro lavoro e per focalizzare maggiormente l’attenzione della società verso queste nostre concittadine che stanno trascorrendo un “capitolo” della loro vita in carcere.   

Faremo tutto quanto ci è possibile per non lasciarle sole.

Share: