Ritratto di gruppo in occasione dell’8 Marzo, [1945-1950]

La storia dell’archivio fotografico è strettamente legata alla costituzione dell’archivio dell’UDI di Bologna nel suo complesso e, dunque, all’istituzione del Gruppo Archivio, avvenuta nel luglio 1987 allo scopo di intraprendere un intervento di ricognizione, riordino e descrizione dei complessi documentali conservati presso la sede dell’associazione. Tale processo è avvenuto in parallelo a quanto si stava compiendo a livello nazionale, al fine di ripercorrere le tappe della storia dell’UDI, ricostruirne le vicende legate all’emancipazione e alla liberazione femminile in Italia, facendo conoscere il contributo dell’UDI alla crescita del movimento delle donne. Le oltre 3.000 fotografie che costituiscono l’archivio sono frutto di donazioni da parte di singole attiviste o di commissioni, di studi fotografici e fotografi bolognesi, tra cui anche Enrico Pasquali. Esse ripercorrono la storia dell’associazione documentandone le attività, le iniziative e le battaglie sostenute dalla fine della Seconda guerra mondiale a oggi.

Tra queste attività vogliamo ricordare quelle in favore dell’infanzia, iniziative di solidarietà come “I treni della felicità”, portata avanti dalle sezioni bolognesi dell’UDI e del Partito comunista italiano (PCI), dal secondo dopoguerra fino ai primi anni Cinquanta del Novecento. Sono poi presenti documenti fotografici relativi a congressi indetti dall’UDI a livello locale, provinciale e nazionale; sino alle relazioni internazionali. Inoltre, sono documentate attività legate al periodico “Noi Donne”, assieme alle numerose iniziative portate avanti da UDI negli anni: da quelle in occasione della Giornata internazionale della donna (8 Marzo), a quelle legate al mondo del lavoro, alla pace, ai servizi sociali, sino a maternità, consultori e aborto; divorzio e diritto di famiglia. Sono infine presenti testimonianze di manifestazioni contro la violenza sulle donne; di incontri, seminari, convegni e iniziative di varia natura, per lo più organizzate dall’UDI o alle quali l’associazione ha preso parte, a Bologna e in altre città italiane.

Tra il 2016 e il 2017 l’archivio è stato oggetto di un intervento di ricognizione, ordinamento, conservazione, catalogazione e inventariazione sostenuto dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna ed è ora consultabile online sul “Portale archIVI”.

Per un approfondimento, vedi anche l’articolo di Eloisa Betti e Marta Magrinelli Genere, fotografia e storia negli archivi del secondo Novecento: il Fondo fotografico dell’Unione Donne Italiane (UDI) di Bologna, Clionet (2018)

Manifestazione regionale per la decriminalizzazione e regolamentazione dell’interruzione volontaria di gravidanza, Bologna, 8 Aprile 1978 (Enrico Pasquali)

Share: