Chi lo direbbe che in un piccolo borgo di quattro case potesse succedere? Eppure, grazie alla ospitalità di Gianna, Romano e Sara domenica 17 settembre UDI è stata protagonista di un pomeriggio interessante e ricco di idee. La loro piccola casa, trasformata in un Centro artistico-culturale, Il Nido della Valle, ha accolto a Scascoli, le donne dell’UDI per riflettere insieme ad un pubblico curioso e attento la storia del voto alle donne.

Dopo la proiezione del filmato Viaggio nel 900 delle donne, di Nella Condorelli, realizzato dall’UDI Romana La Goccia, ho avuto l’onore di presentare la mia ultima ricerca sulle donne della provincia di Forlì durante il regime fascista: Sovversive, edito da Ponte Vecchio di Cesena. Attraverso foto e documenti tratti dal Casellario Politico Centrale abbiamo potuto ripercorrere le condizioni di tante donne di ogni ceto sociale schedate, arrestate, imprigionate, condannate al confino e al campo di concentramento per aver espresso il loro dissenso e profuso un impegno politico e civile, in Italia o all’estero.

La responsabile di UDI Bologna, Katia Graziosi, ha poi contestualizzato all’interno del periodo storico, la nascita di UDI e il suo agire nel tempo, sottolineando le tematiche più significative, come la solidarietà, la maternità, il lavoro, la conquista dei diritti, e tanto altro, per cui l’Associazione ha lottato. E tra questi diritti, l’Avvocata Angela Pozzi, in particolare ha focalizzato l’attenzione sulle problematiche della famiglia, delle coppie di fatto, e delle ultime leggi approvate. Una tessera questa del lavoro che UDI conduce sul movimento delle donne e le sue battaglie.

Alba Piolanti

 

Share: