Browsing Category

Diritti

Un mondo di muri

Diritti By 13 novembre 2017 No Comments

Sul Carlino on line un articolo sul progetto “Un mondo di muri” svoltosi mercoledì 8 novembre alle 9:00 presso Palazzo D’Accursio e realizzato dalle donne delle associazioni ANPI, Associazione Rose Rosse, Dentro al Nido, Donne in Nero, Libera, UDI con i ragazzi e le ragazze di due classi quinte dell’IPSAS Aldrovandi Rubbiani e una quinta dell’ IIS Keynes di Castel Maggiore.

http://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/mondo-muri-incontro-1.3521965

 

 

Share:

Il documentario “Paura non abbiamo” è uscito al cinema

Diritti By 22 maggio 2017 No Comments

Il documentario Paura non abbiamo, realizzato in collaborazione con UDI Bologna, è uscito al cinema a partire dal 2 maggio con un tour in tutte le città dell’Emilia-Romagna e nelle principali città italiane…

Vedi l’elenco completo  http://www.pauranonabbiamo.it/proiezioni/

Questo l’articolo che Repubblica Bologna ha dedicato a Paura non abbiamo…

Vedi le altre recensioni http://www.pauranonabbiamo.it/dicono-di-noi/
04.29.2017-Repubblica-Bologna-copy1

 

Share:

Generare relazioni diverse: ciclo di incontri 12 maggio – 13 giugno 2017

Diritti, Violenza sulle donne By 22 maggio 2017 No Comments

Il ciclo di incontri Generare relazioni diverse (12 maggio- 13 giugno) intende favorire la comune riflessione e lo scambio di esperienze fra gli attori impegnati a contrastare il fenomeno della violenza contro le donne per aumentare la conoscenza e la competenza di ciascuno. Intende attivare un percorso di “capacity building” attraverso una riflessione partecipata per giungere alla creazione di un Tool Kit a supporto delle figure professionali che entrano in contatto con donne che subiscono violenza. Ha l’obiettivo di fornire un aggiornamento professionale su tematiche che hanno impatto nella propria attività lavorativa e nella relazione con le persone che si rivolgono ai servizi.

Il workshop dal titolo Violenza contro le donne: aspetti giuridico legali ed esperienze a confronto a cura del Gruppo Donne e Giustizia UDI ha evidenziato quali sono gli strumenti di tutela legale, prevenzione e protezione sia dal punto di vista penale che civile in un’ottica anche internazionale di applicazione della Convenzione di Istanbul con uno scambio di esperienze con la Procura, la Questura, una Stazione Carabinieri, un Giudice della prima sezione del Tribunale Ordinario, raccogliendo anche le esperienze dei Servizi Sociali.

Share:

Oltre le sbarre: leggere e scrivere nella sezione femminile della Dozza

Diritti By 21 maggio 2017 No Comments

A conclusione del progetto UDI rivolto alla sezione femminile della casa circondariale della Dozza….

Rileggendo oggi il progetto, ci rendiamo conto che, in un modulo di 18 ore complessive, molta parte delle idee iniziali è stata realizzata e ancor di più è quanto, attraverso le letture, abbiamo fatto emergere nelle relazioni fra loro e con se stesse in termini di sensibilità, riflessione, controllo, equilibrio. Di ciò siamo assolutamente soddisfatte, e concludiamo l’esperienza con la certezza di esserci rese utili al loro vivere nella detenzione.

Dagli incontri, oltre alla lettura e alla scrittura, sono emerse tante altre problematiche legate alla carcerazione. Nonostante noi abbiamo spesso cercato di riportare il confronto sugli obiettivi programmati, non abbiamo potuto negarci all’ascolto. Pertanto ci sembra utile riportare qui di seguito quanto abbiamo recepito nel corso dei laboratori dal 2015 ad oggi.

Share:

Il Gioco della Pace 2017

Diritti, Eventi, Politica By 4 maggio 2017 No Comments

Nove associazioni di donne (ANPI, UDI, ROSE ROSSE, DENTRO AL NIDO, DONNE DI SASSO, DONNE IN NERO, GRUPPO ’98 POESIE LIBERA, TREKKING ITALIA), sette scuole coinvolte (KEYNES di Castel Maggiore, LICEO MAYORANA di S. Lazzaro, LICEO ARTISTICO ARCANGELI di Bologna, ISTITUTO ALBROVANDI RUBBIANI di Bologna, SCUOLA MEDIA UNGARETTI di Bentivoglio, ENTE DI FORMAZIONE FOMAL di Bologna, SCUOLE DELL’INFANZIA di Sasso Marconi), 14 classi, circa 400 studenti/esse guidati dalle loro docenti e un numero incalcolabile di ore: sono solo alcuni dei dati che hanno caratterizzato il progetto Il Gioco della Pace, sviluppato a Bologna e Città Metropolitana.

E per ogni classe: scelta dei testi, rapporti con le insegnanti, laboratori…da settembre 2016 a maggio 2017, fino all’allestimento di una Mostra che ha esposto le opere ispirate dal lavoro di tutti/e. Insomma…un grande impegno per un grande valore attorno al quale le associazioni si sono riconosciute: la Pace!

Share:

UDI VERSO L’8 MARZO

Diritti By 14 febbraio 2017 No Comments

L’UDI (Unione Donne in Italia) è parte della mobilitazione NONUNADIMENO perché è stata tra le associazioni promotrici del percorso che ha portato alla marea del 26 novembre a Roma e oltre, sul quale ha attivato il dibattito dentro e fuori l’associazione.

Vogliamo promuovere insieme a tutte le donne e le realtà che oggi si riconoscono nel percorso NONUNADIMENO la mobilitazione per l’8 marzo, da sempre per noi giornata di lotta, alla quale non abbiamo rinunciato nei momenti di più alta partecipazione, come nei momenti di ridicolizzazione meschina o indifferenza nei confronti di questa data.

Non dimentichiamo le lotte delle donne venute prima di noi e siamo consapevoli che la cancellazione è sempre funzionale alla permanenza del patriarcato che ci costringe, anche subdolamente, a ricominciare da capo come se fossimo sempre donne smemorate e senza storia.

Share:

….a proposito di chi chiede ad UDI di schierarsi sul referendum….

Diritti, Politica By 21 novembre 2016 No Comments

riceviamo in questi ultimi giorni di campagna elettorale sollecitazioni a schierarci anche sui social. . Ci siamo astenute fino ad oggi e continueremo ad astenerci dal dare indicazioni di voto dentro e fuori i social. Consideriamo le donne libere di saper decidere con la loro testa e sinceramente non condividiamo chi tra le associazioni si è lanciata in una sorta di crociata con modalità partitiche per cui da una parte sta il male assoluto e in un’altra parte il bene assoluto.

Viviamo in un Paese dove presupponiamo vi sia almeno una condivisione della prima parte della Carta costituzionale. Consideriamo questo un punto fermo e di garanzia per tutti indipendentemente da come la si pensi.

Share: