Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Presentazione libro “La democrazia delle donne. I Gruppi di Difesa della Donna nella costruzione della Repubblica (1943-1945)”

22 maggio @ 10:00 - 12:30

La Rete Regionale Archivi UDI, attiva da anni in regione per promuovere la conservazione e valorizzazione della storia delle donne attraverso i propri archivi storici, ha recentemente sostenuto la pubblicazione del volume : “La democrazia delle donne. I Gruppi di Difesa della Donna nella costruzione della Repubblica (1943-1945)”, autrice Laura Orlandini, giovane ricercatrice  di Ravenna. Il libro verrà presentato martedì 22 maggio dalle ore 10:00 nella sala Manzi della Regione Emilia Romagna. Sarà presente Emma Petitti, assessora alle Pari Opportunità della Regione Emilia-Romagna; Rosangela Pesenti, Presidente dell’Associazione Nazionale Archivi dell’UDI; Dianella Galliani, Storica Università di Bologna; Laura Orlandini, autrice del libro e Katia Graziosi, Presidente Rete Regionale Archivi UDI Emilia-Romagna. Il libro è il risultato di un anno di ricerche condotte su scala nazionale e in vari archivi locali riguardo all’esperienza dei Gruppi di Difesa della Donna, organizzazione femminile nella Resistenza operante nella vita civile durante i mesi dell’occupazione nazista. Lo studio affronta i diversi aspetti dell’attività dei Gruppi di Difesa, dalla fondazione nel novembre 1943 e successiva diffusione, alla struttura, all’attività di propaganda e di supporto alle formazioni partigiane, fino alle proposte e battaglie relative alla condizione femminile. La ricerca, finanziata dalla Fondazione Nilde Iotti, sorge dall’esigenza di fare luce su una realtà finora quasi del tutto ignorata dalla storiografia, partendo innanzitutto dai documenti prodotti: volantini, direttive, comunicazioni, giornali. Una realtà trasversale che voleva unire tutte le donne in lotta contro il nazifascismo, supportando innanzitutto la guerriglia partigiana nelle sue esigenze vitali (nutrimento, copertura sanitaria, rifornimenti), ma attivando anche una protesta disarmata e pubblica nella vita civile, dalle rivendicazioni di carattere annonario alle varie forme di resistenza collettiva contro le rappresaglie e le violenze dell’esercito occupante. Una componente decisiva della Resistenza quindi, rimasta nascosta a lungo nell’elaborazione successiva della memoria, che ha spesso considerato la partecipazione femminile come un fenomeno in qualche modo spontaneo ed individuale. Studiare le dinamiche di questa organizzazione, che doveva necessariamente tenere conto delle esigenze cospirative nonché confrontarsi con la Resistenza armata e i partiti del Cln, permette di individuare invece l’esistenza di una realtà complessa, in evoluzione, con precisi obiettivi, conquiste, risultati.

Dettagli

Data:
22 maggio
Ora:
10:00 - 12:30

Luogo

Sala Manzi, Regione Emilia Romagna
Viale Aldo Moro, 50
Bologna, Italy
+ Google Maps
Share: