L’UDI è un luogo di riferimento per le donne, trasversalmente, di ogni ceto e cultura in cui il pensiero e le azioni   nazionalii di UDI trovano territorialmente il terreno su cui spalmarsi con l’apporto dei gruppi UDI organizzati nell’area metropolitana bolognese.

Siamo impegnate su :

conservazione e valorizzazione della memoria storica delle donne, che consideriamo una ricchezza collettiva da conservare e far vivere; memoria che si lega al nostro territorio, alla nostra comunità, e gli archivi dell’UDI di Bologna ne danno ampia testimonianza; archivi aperti al pubblico, riconosciuti dall’Istituto beni artistici e culturali della Regione Emilia-Romagna e a disposizione per ricerche, tesi di laurea, ecc. Operiamo con progetti nostri e della rete archivi UDI della nostra regione.

Collaboriamo con il Dipartimento discipline storiche dell’Università di Bologna in ricerche, studi, seminari, convegni, e pubblicazioni.

Presso la nostra sede si tengono lezioni anche lezioni del Dipartimento di storia e stage per studentesse delle scuole di secondo grado.

Per i diritti di tutte le donne con il progetto “ Sportello Donna e Famiglia” avviato da anni in collaborazione con l’allora amministrazione provinciale per informare e fornire consulenza legale specializzata in 29 comuni dell’area metropolitana. Progetto che garantisce da anni un concreto aiuto alle donne anche nei casi di violenza, là dove non esisteva nulla.

Presso le nostre sedi di Bologna e S.Giovanni Persiceto sono inoltre attivi punti di ascolto (v. Gruppo Giustizia).

Diamo il nostro contributo in tutti i contesti cittadini e nazionali ove va difeso e rafforzato il concetto di autodeterminazione della donna.

Siamo partner del comune di Bologna in progetti di sensibilizzazione contrasto alla violenza (con la partecipazione ai progetti : Insieme, InRete, con lo scopo di implementare la rete di azione di interventi pubblici e privati., nonché nel progetto “Non solo mimosa” per le donne detenute nella casa Circondariale di Bologna.

Ci costituiamo quale parte civile offesa in processi per femminicidio.

Siamo tra le associazioni firmatarie dell’accordo metropolitano contro la violenza sulle donne.

Facciamo parte della rete nazione del 1522 numero antiviolenza.

Partecipiamo al tavolo cittadino “”di genere”” insieme ad altre associazioni e Comune di Bologna.

Proponiamo e realizziamo insieme ad istituzioni ed altre associazioni momenti formativi e di aggiornamento per le forze dell’ordine. Sempre nell’ambito della formazione operiamo a stretto contatto con i comuni ove siamo presenti negli sportelli donna e famiglia, per l’aggiornamento degli operatori sociali.

Promuoviamo insieme ad altre associazioni della città una educazione di genere e di riconoscimento delle differenze con la Rete “Attraverso lo specchio”e a tale riguardo partecipiamo a progetti in ambito scolastico dalle scuole elementari alle superiori sia di Bologna che dell’area metropolitana.

Share: