Browsing Category

News

C O M U N I C A T O Anticoncezionali gratuiti nella regione Emilia Romagna: una tappa significativa della sollecitazione-rivendicazione delle donne UDI regionali, ma non basta.

News By 16 novembre 2017 No Comments

Apprendiamo con viva soddisfazione che la Giunta della Regione Emilia Romagna ha deliberato la fruizione di anticoncezionali gratuiti a fasce di adolescenti ed adulti giovani, nonché la promozione di campagne informative volte a favorire una sessualità consapevole. Attendevamo questa decisione a seguito dell’azione intrapresa oltre un anno fa dalle UDI della regione e sostenuta dalle donne CGIL con la campagna udinazionale “ADESSO BASTA” per :

 

   più contraccezione

   meno aborti

    più consultori

    meno obiettori

    più informazione sessuale

Share:

Il nostro 8 marzo 2017

News By 30 marzo 2017 No Comments

E’ stato veramente un 8 marzo differente dagli altri. Già il 7 eravamo in piazza con i nostri mazzetti di mimosa com’è nostra consuetudine. L’8 al mattino alle 7,30 Angela e Grazia erano lì infreddolite ad allestire il bancone, sistemare i manifesti e il materiale UDI nonché il nostro librone che conserva anno dopo anno la raccolta dei pensieri delle donne che passano e hanno il desiderio di lasciare una loro traccia. Sono arrivate le altre Chiara, Anna, con le nipotine appresso, Elisabetta e Marta, che ha predisposto l’angolo per i bambini con una pedana di gomma e giochi vari. Si sono unite anche Rossella, Doda, Franca e tante altre. Alba è arrivata con lo striscione delle donne detenute della Casa Circondariale di Bologna e le coccarde fucsia che ha cucito per tutte.

Le donne detenute alla Dozza ci tenevamo molto a fare sentire la loro vicinanza e ad essere virtualmente con noi in piazza e Alba si è prodigata per lo striscione significativo a pochi giorni dalla conclusione del percorso UDI sulla violenza iniziato in autunno alla Casa Circondariale.

Le ragazze di Non Una di Meno erano a pochi metri da noi. Tanta allegria, musica, canzoni. Ci ha fatto molto piacere ascoltare al microfono una giovane che rivolgendosi a noi ha citato il sacrificio di donne anche imprigionate per la diffusione di questo fiore.

Share:

Iniziative UDI Bologna 25 novembre 2016

News By 24 novembre 2016 No Comments

UDI BOLOGNA PARTECIPA ALLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE “NON UNA DI MENO”, CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE, CHE SI TERRA’ A ROMA  IL 26 NOVEMBRE

Appuntamenti nell’area metropolitana di Bologna

25 novembre ore 18 Consiglio comunale San Lazzaro di Savena

nell’ambito di “ 365 giorni NO – rassegna contro la violenza sulle donne”

Interviene per UDI Katia Graziosi

Share:

Il grande gioco della pace

News By 21 novembre 2016 No Comments

 Ad oggi abbiamo realizzato il progetto con due classi dell’Istituto Keynes di Castel Maggiore, Prima B e Terza AR, guidate dalle Docenti Anna Grazia Zampiccinini e Mirella Belcastro. Gli incontri si sono svolti a classi separate essendo diversi i livelli di preparazione. Studenti/esse che hanno partecipato con entusiasmo e curiosità, con impegno individuale e collettivo, hanno manifestato il desiderio di ri-incontrarci dopo che avranno continuato a lavorare ed espresso i loro pensieri e commenti, prodotto i loro disegni, inventato slogan o parole nuove per la pace, al fine di restituire quanto assimilato e ideato da esporre nella Mostra finale.

Share:

Inaugurazione mostra “1946~2016 voto alle donne 70 anni da protagoniste”

News By 21 novembre 2016 No Comments

A Castelnuovo Rangone nella sala del Torrione inaugurazione  mostra fotografica “1946 – 2016 voto alle donne 70 anni da protagoniste”, in collaborazione con le donne dell’ associazione CAOS ed il Comune. 

Alcune immagini

Share:

Sia chiarito se una donna è morta perché un medico obiettore non è intervenuto

News By 22 ottobre 2016 No Comments

Riproponiamo il comunicato dell’UDI di Catania sulla morte di Valentina Milluzzo

La magistratura accerterà le cause della morte di Valentina e le eventuali responsabilità dei medici e della struttura sanitaria presso cui era ricoverata. A noi resta la responsabilità di fare tutto ciò che possiamo affinché il diritto alla salute delle donne sia salvaguardato. Per questo non possiamo accettare e non accettiamo che a Catania e in Sicilia, dove le obiezioni di coscienza non si contano più, la legge 194 che abbiamo voluto per garantire il diritto alla maternità libera e responsabile sia violata e inapplicata.

Share: